In Romania, il popolo lotta e vince contro il MAL-GOVERNO E CORRUZIONE

Condividi

In migliaia nelle piazze bloccano il parlamento per 4 giorni, alla fine il governo fa dietrofront

La marcia indietro dopo 4 giorni di manifestazioni. Per i manifestanti e le forze politiche di opposizione,  erano norme ad personam per favorire il leader del partito di maggioranza.

Decine e decine di migliaia di persone, compreso donne e bambini, per il quarto giorno consecutivo sono scese nelle piazze  a Bucarest e in altre città della Romania per chiedere le dimissioni del governo e protestare contro il decreto d’urgenza che depenalizza l’abuso di ufficio e altri reati di corruzione.
I manifestanti, con bandiere tricolori della Romania, si sono radunati davanti alla sede del governo e scandiscono slogan contro il governo chiedendo a gran voce le dimissioni del premier Sorin Grindeanu, accusato di voler vanificare la lotta alla corruzione dilagante nel Paese e di fare un ‘regalo’ ai tanti politici e funzionari pubblici sotto inchiesta per reati di corruzione.


Condividi