Pilone, tradito il 14 Ottobre 1870

Condividi

Videostoria di Antonio Cozzolino, conosciuto come il Brigante Pilone, vittima di un agguato ad opera di Salvatore Giordano.


antonio_cozzolino Il 14 ottobre 1870
, a Napoli, un traditore (Salvatore Giordano) portò Pilone in un cerchio di almeno 15 poliziotti che vestiti in borghese e mischiati con la folla avevano occupato, sotto la regia del delegato Petrillo, un lungo tratto di strada tra l’Albergo dei Poveri e l’ Orto Botanico.

Pilone, scendeva dal Museo a passo lento, per la zoppia, indossava una giacca di velluto, pantaloni di tela a righe, una cravatta viola, e un panciotto nero, che teneva aperto, “come costumano i contadini”, scrisse un cronista. Calzava un cappello bianco e gli occhiali azzurri  e rendevano più gentile “il profilo regolare e piuttosto bello” del volto. Un attimo prima di entrare nel cerchio, il giuda si allontanò.

Pilone capì, ma gli era già alle spalle l’appuntato Generoso Zicchelli: premendogli le costole con la punta del pugnale e con la canna del revolver, lo dichiarò in arresto. Pilone si girò e parve all’appuntato che volesse girarsi per estrarre un’arma dal panciotto, ma poi si vide che non era armato, l‘appuntato gli piantò il pugnale nel petto, Pilone crollò a terra e da terra cercò di parare i colpi che Zicchelli e un collega gli vibravano con furia in faccia e nello stomaco.

Il brigante ebbe ancora la forza di accovacciarsi nella pozza del suo sangue, come per difendere il volto dalle lame, intanto i poliziotti gridavano alla folla agitata e minacciosa di star calma, siamo della Questura, quest’ uomo è il Brigante Pilone. Infine lo caricarono su una carrozzella, dalla gola gli uscì un ultimo rantolo, Pilone morì prima che la carrozzella entrasse nel cortile della Questura.

Il prefetto telegrafò immediatamente un dispaccio al Sottoprefetto di Castellammare e il Sottoprefetto immediatamente lo trasmise ai Sindaci di Ottajano, Gragnano, Pimonte, Lettere, Agerola e Castellammare “con la preghiera di dare la maggiore possibile pubblicità alla buona notizia contenuta nel dispaccio”. Pochi giorni dopo l’ex deputato Cortese si presentò in Prefettura per comunicare che Salvatore Giordano, di Boscoreale, aveva diritto alla taglia di lire 1500: 1000 promesse dal Comune di Ottajano, 500 dal Comune di Boscoreale.

“FILM PILONE GUERRIERO VESUVIANO”

https://www.youtube.com/watch?v=RRTYRDb8zzU&feature=youtu.be

Antonio Apuzzo


Condividi