Vesuvio e Lacryma Christi

Vesevo, terra del vino con 2000 anni di storia. Lacryma Christi Ambrosio

Condividi !

14958397_10209947783404093_1735965099_nIl  territorio Vesuviano ha visto in passato, un’attività enoica molto fiorente e rinomata. Già nell’era greco romana Vesevo era totalmente ricoperto di vigneti, vi sono diverse testimonianza tra gli affreschi ritrovati nell’antica Pompei. Tra l’alto questo areale offre l’opportunità unica di visitare numerosissimi luoghi del vino, estremamente belli ed affascinanti, con più di 2000 anni di storia.
La Lacryma Christi è la qualità più riconosciuta e famosa in tutto il mondo e la famiglia Ambrosio, che abbiamo incontrato,  sono noti produttori di vino da generazioni , utilizzano uve esclusivamente provenienti dai vigneti della famiglia che si trovano sulle falde del Vesuvio a 700 metri di altezza sul livello del mare.

I  Vigneti, ci spiega Nando Ambrosio,  giovane viticoltore molto appassionato, che vuole recuperare la memoria vignaiola dell’areale vesuviano, si trovano nelle vicinanze della famosa Valle dell’Inferno, adiacente il cratere del Vesuvio, e vengono accarezzati dalla brezza marina che viene dal Golfo di Napoli 24 ore al giorno e sono esposti al sole dall’alba al tramonto. La coltivazione è biologica con concimazione in maniera biodinamica. Le viti sono allevate a spalliera con potatura a cordone speronato producono un massimale di 90 quintali per ettaro. La vendemmia viene fatta a fine ottobre ed è l’ultima vendemmia che si fa in Campania. Il processo di fermentazione di queste uve e praticamente naturale senza l’aggiunta gli agenti chimici o di sintesi che aiutano la fermentazione. La fermentazione può durare dai 10 ai 20 giorni. I sistemi di chiarifica sono praticamente

La famiglia Ambrosio con gli esponenti del Real Circolo Francesco II di Borbone ed SAR il Principe Don Giacomo di Borbone, grande conoscitore ed estimatore delle eccellenze Vesuviane.

naturali,e nel vino non viene aggiunto nessun tipo di sostanza chimica che estranea al vino stesso, ottenendo così un prodotto naturale al 100% che è possibile ottenere solo con uve di grandissima qualità. Il vino è secco fruttato armonico profumato è molto tanninico capace di esprimere in tutta la sua forza i profumi unici e tipici della flora Vesuviana. Prima di essere imbottigliato passa 2 anni di invecchiamento in botte permettendogli di acquistare al massimo tutti gli aromi e sui profumi che lo rendono unico nel suo genere da millenni. 

Nando con tanto entusiasmo, ricorda di aver vissuto da bambino quei bei tempi della vendemmia, ed i vigneti allora  erano diversi e tantissime famiglie di Terzigno si dedicavano alla viticoltura, oggi auspichiamo  che possano tornare quei tempi sia per Lui che per gli altri che stanno seguendo la sua stessa passione.
Pietro Avino