Ville Romane a Terzigno : Vengono alla luce scheletri antichi.

Dall’audizione in Commissione Cultura alla Regione Campania, unici sconfitti ” i Cittadini “

Condividi !

14925526_10207461296106970_3683054189392482257_n C’è chi dopo questa audizione si ritiene abbastanza contento, chi si sente al nastro di partenza, chi è ancora  fiducioso e spera,  e chi come il Comitato Cittadini di Terzigno, tra cui gli attivisti locali vicini al Movimento di Grillo, che pensano che di certo ed inconfutabile c’è solo, per adesso, la sconfitta di una intera comunità, costretta a fare i conti con i fatti reali e quindi smettere per adesso di sperare e sognare.

E’ svanito sotto uno strato di terriccio da riciclo, quello che rappresentava la speranza di un riscatto possibile, come il complesso di Ville Romane  rinvenute anni fa, all’interno della Cava Ranieri,  che  veniva e viene messo continuamente dall’attuale amministrazione a guida Francesco Ranieri, sotto i riflettori, come un qualcosa di prossimo e vicino, che dovrebbe donare sviluppo culturale sociale e morale, ad una cittadina offesa ed umiliata da una costante politica, sorda, cieca ed incapace, che ha portato il paese all’interno del Parco Nazionale del Vesuvio ad essere oggi agonizzante e famoso in tutto il mondo per la spazzatura, sia accumulata nelle varie discariche del paese, e sia per quella abbandonata su tutto il territorio.

E’ stato duro apprendere che la Sovrintendenza è dagli anni 80 – 90 che continuamente invita i nostri amministratori sordi ad attivarsi per riqualificare e valorizzare l’area.

E’ dal 2012, apprendiamo solo oggi, che hanno comunicato che dopo tanti anni di attesa si vedevano costretti ad interrare i reperti per difenderli e tutelarli dalla loro incuria.

Tutti sapevano, tranne i cittadini, tutti hanno taciuto per nascondere le proprie colpe e responsabilità,   nota positiva è senza dubbio la consapevolezza che il comitato non molla e l’interessamento della Commissione,  che ci lascia qualche speranza ancora, infatti il Presidente e il Consigliere Francesco Emilio Borrelli, hanno chiesto al Sindaco ed alla  Funzionaria, copie delle conferenze di servizio ed hanno ricordato alla dottoressa Cicirelli che la Sovrintendenza, non ha solo il compito di tutelare, ma anche di promuovere e gestire, cosi’ come fa per gli scavi di Pompei, quindi che si attivino oppure dichiarino il loro disinteressamento, al fine di dare spazio ad altri enti o istituzioni ad intervenire per valorizzare l’area.

QUI POTETE ASCOLTARE L’INTERA AUDIZIONE, ANCHE SE LA QUALITA’ AUDIO E’BASSA.